Ciclone sulle trivelle di Renzi

ciclone sicilia trivelle

È ormai evidente che il nostro clima è impazzito. Questa settimana è stata segnata da allerte meteo in tutta Italia, con disastri e vittime che potevano essere evitati. E ancora non è finita, il maltempo culminerà con un ciclone di tipo tropicale in Sicilia dove già si sono registrati danni e disagi di ogni genere. Nonostante le evidenze c’è chi ancora si ostina a negare gli effetti dei cambiamenti climatici, anche se coinvolgono il nostro Paese.

È proprio il caso di dire che l’ignoranza in questo caso non potrà giustificare alcuna decisione a “non agire” e restare impassibili di fronte a un clima che cambia. I negazionisti dovrebbero leggere l’ultimo rapporto pubblicato dall’IPCC, di cui ho già parlato su questo blog, per rendersi conto che non abbiamo molto tempo e che l’impatto antropico sul nostro unico Pianeta è evidente ormai ovunque, anche in Italia viste le condizioni climatiche che stiamo attraversando in questo periodo.

I cambiamenti climatici porteranno a serie conseguenze, irreversibili se non interveniamo subito con un nuovo patto a livello mondiale che potrebbe essere firmato l’anno prossimo alla Conferenza sul clima che si terrà a Parigi.

Non abbiamo scuse. Gli scienziati ci hanno informato, è ora che i governi agiscano!

Dobbiamo rinunciare per sempre ai combustibili fossili per ridurre l’aumento delle concentrazioni di Co2. Bisogna eliminare gradualmente sia il carbone che il petrolio, investendo sulle rinnovabili, le uniche fonti davvero pulite e sicure sia per l’ambiente che per l’umanità. Paesi europei come la Danimarca hanno scelto di essere 100% rinnovabile a dispetto dell’Italia dove invece di presentare un piano di mitigazione ai cambiamenti climatici si continua a parlare di trivellazioni e cementificazioni.

Serve una riforma energetica che non blocchi l’Italia e le rinnovabili ma le sostenga.

Se il ciclone al largo della Sicilia avesse travolto le trivelle delle piattaforme petrolifere che il governo prevede nel mediterraneo quali sarebbero stati i possibili danni?

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>