Complimenti al Parco del Gran Paradiso, eccellenza mondiale

Foto di Nicola Grande

Un grande onore per l’Italia il riconoscimento conferito al Parco nazionale del Gran Paradiso al Congresso mondiale dei parchi che si sta svolgendo in questi giorni a Sidney, segno che le nostre aree protette sono un esempio a livello internazionale.

Il Parco italiano, infatti, è stato riconosciuto come uno dei migliori, selezionato tra 210mila, inserito nella Green List of Protected Areas IUCN (l’Unione internazionale per la conservazione della natura), una certificazione sui parchi più efficienti che riconosce le aeree protette meglio gestite per la conservazione e la protezione della natura.

Da anni con la Fondazione UniVerde organizziamo il concorso fotografico sui Parchi italiani: “Obiettivo Terra”, sostenuto anche da Federparchi. Proprio l’anno scorso ha vinto una bellissima foto del Parco del Gran Paradiso che oggi ha ottenuto un prestigioso premio.

A livello internazionale l’8% delle nostre ricchezze naturali si trovano in pericolo “critico” e il 29% per cento sono in uno stato di “preoccupazione significativa”, secondo i dati forniti dall’IUCN che sostiene sia necessario fare di più per preservare la biodiversità del nostro Pianeta. Delle 200.000 aree protette solo 228 sono considerate Patrimonio naturale.

Non solo a livello mondiale, anche nel nostro Paese è necessario investire di più per aiutare i nostri parchi a vigilare e diffondere una cultura della tutela ambientale e naturale, mentre Stato e Regioni devono evitare privatizzazioni e tagli indiscriminati.

Faccio i miei complimenti al Parco per l’impegno e a Federpachi per il lavoro e l’attività che svolge da anni.

 

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>