Stop consumo suolo. Bene ma serve Decreto

cementificazione

Il Governo, nel Consiglio dei ministri di ieri, ha approvato un disegno di legge per bloccare la cementificazione.
Bravi!
Me ne aveva parlato il ministro dell’Agricoltura, Mario Catania, invitandomi ad un convegno sulla prima bozza.
Il proposito è ottimo e lo dico anche avendo ricoperto proprio gli incarichi di ministro dell’Agricoltura prima, e dell’ambiente poi.
Ma poiché Monti ha osservato che questo provvedimento andava messo nel decreto ‘salva Italia’ è giusto ricordargli che se davvero vuole dare uno stop al dissennato spreco di suolo servirà un decreto legge.
Apriamo quindi un dibattito e miglioriamo questo testo perché sia davvero efficace e non una norma-bandiera, ma poi dobbiamo insistere perché il Governo lo approvi come decreto legge, proprio come il ‘salva Italia’.
Del resto questo governo fà o progetta decreti legge su cose scadalose come facilitare le trivellazioni petrolifere in mare o l’istallazione sugli edifici di antenne che producono elettrosmog.
Come mai invece su una cosa urgente e giusta come questa ci si dovrebbe limitare ad un disegno di legge che, soprattutto a fine legislatura, non sarà mai approvato?

| 2 COMMENTI | |

Tags: , , , , , , , , , ,

2 risposte a Stop consumo suolo. Bene ma serve Decreto

  1. massimo margaritelli scrive:

    ritengo importante che si vada verso la definizione di un complesso dinorme che consentono – nel presupposto di un giusta pianificazione – la salvaguardia del terreno agricolo, sotto il profilo del consumo.Dobbiamo tuttavia tener conto che la tutela di questo territorio si ottiene anche andando ha ridisciplinare il recupero del tessuto edilizio sparso nel territorio agricolo, recupero che spesso genera tessuti edilizi del tutto simili a quelle delle aree urbane.Ritengo che il Decreto debba tenere conto delle infrastrutture viarie- maggiormente quelle storiche – che costruite ad esclusivo uso degli agricoltori, sempre puù spesso subiscono trasformazioni con interventi incoerenti rispetto l’ambito. La necessità di una espanzione a ” superficie e volume zero” dovrà comportare la riarticolazione del DPR 380 nella parte in cui si dettano i criteri per le ristrutturazioni edilizie ed urbanistiche.

    Corciano 23 ottobre2012
    Massimo Margaritelli

  2. massimo margaritelli scrive:

    ritengo importante che si vada verso la definizione di un complesso dinorme che consentono – nel presupposto di un giusta pianificazione – la salvaguardia del terreno agricolo, sotto il profilo del consumo.Dobbiamo tuttavia tener conto che la tutela di questo territorio si ottiene anche andando ha ridisciplinare il recupero del tessuto edilizio sparso nel territorio agricolo, recupero che spesso genera tessuti edilizi del tutto simili a quelle delle aree urbane.Ritengo che il Decreto debba tenere conto delle infrastrutture viarie- maggiormente quelle storiche – che costruite ad esclusivo uso degli agricoltori, sempre puù spesso subiscono trasformazioni con interventi incoerenti rispetto l’ambito. La necessità di una espansione a ” superficie e volume zero” dovrà comportare la riarticolazione del DPR 380 nella parte in cui si dettano i criteri per le ristrutturazioni edilizie ed urbanistiche.

    Corciano 23 ottobre2012
    Massimo Margaritelli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>