Coronavirus. #iomangioitaliano, Pecoraro Scanio: “In una settimana 700.000 consegne dagli agricoltori di Campagna Amica, un record”

Sequenza 04.Immagine194

L’ex Ministro delle Politiche Agricole e dell’Ambiente: “Il decreto di aprile sostenga agricoltura familiare e produzioni tipiche”.

“Nella scorsa settimana, oltre 4.000 aziende del circuito degli agricoltori di Campagna Amica hanno realizzato oltre 700.000 consegne a domicilio di prodotti agricoli provenienti dai nostri campi. Il passaggio da 0 a 700.000 ordini di consegna nelle case dei cittadini è un vero record. In questo momento di grande emergenza, dove le imprese agricole continuano a lavorare tra tante difficoltà e dove l’aumento della spesa nei supermercati si è indirizzata verso prodotti a lunga conservazione e spesso provenienti dall’estero, è importante rilanciare con forza la campagna #iomangioitaliano, promossa da Coldiretti e Campagna Amica, con l’adesione della Fondazione UniVerde, della Federazione Italiana Cuochi e di tante realtà del nostro Paese. È fondamentale sostenere quanti continuano a lavorare con grande abnegazione nei campi italiani”. Lo afferma Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e Coordinatore del Comitato scientifico della Fondazione Campagna Amica.

“Il decreto di aprile, che punterà al rilancio dell’economia del nostro Paese, dovrà sostenere con forza l’agricoltura familiare e tutti gli agricoltori, in particolare i giovani imprenditori agricoli che stanno dimostrando grande dinamicità in termini di innovazione. L’obiettivo è quello di consentire un più facile contatto tra produttori e consumatori che, attraverso la vendita online e la vendita diretta, potrà garantire, alle attività agricole, un ulteriore elemento di rafforzamento – sottolinea l’ex Ministro – Potenziare la vendita diretta dei prodotti della nostra agricoltura è anche un modo per sostenere una serie di piccole produzioni tipiche, biologiche e a chilometro zero che difficilmente riescono ad accedere alla catena della grande distribuzione”.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>