Cambiamento climatico: l’Italia si muova!

Connie - Ministro dell'ambiente danese

Per il 2030 vorrei un obiettivo UE al  50/50/50, ma so che è difficile.
Almeno l’Italia approvi subito il 40/30/40, ma con misure obbligatorie per gli Stati.

 

Proprio stamane ho rivisto Connie, che era Ministro dell’ambiente danese  nel 2007 e con cui impostammo la strategia europea contro i cambiamenti climatici.
Allora, come ricordavamo, l’Italia era in prima fila nella lotta per imporre obiettivi ambiziosi di taglio delle emissioni di CO2 e aumento delle rinnovabili e dell’efficienza energetica .
La Conferenza Nazionale sui cambiamenti climatici del settembre 2007 tracciò una linea di leadership sulle sfide ambientali con il contributo della comunità scientifica e accademica e della società civile italiana.

 

Quelle conclusioni sono ancora oggi di grande attualità, ma i partiti di governo sono oggi molto ossequiosi verso le lobby black dei fossili e al nostro governo dell’Unione di Prodi ancora non è stato perdonato l’eccessiva carica ecologista .

In Italia i governi degli ultimi anni hanno tagliato ogni vero sostegno alle rinnovabili, proprio ora che il loro costo è diminuito e converrebbe insistere su quella sfida.
Questi governi hanno invece approvato nuove ricerche petrolifere in mare e a terra e sostenuto spesso posizioni di retroguardia in materia di ambiente.
È sempre più urgente una mobilitazione delle associazioni e in Parlamento perché il governo italiano ritrovi lo spirito Green del 2007.

Basta favori alle lobby dei combustibili fossili e del nucleare.

| 1 COMMENTO | |

Tags: , , ,

Una risposta a Cambiamento climatico: l’Italia si muova!

  1. Nando Marincione scrive:

    Se l’impegno delle associazioni ambientaliste non è mai venuto meno circa il contrasto all’impiego dei combustibili fossili e del nucleare, dubito molto che nell’attuale Parlamento, dove è assente oramai da 2 Legislature la Sinistra Rosso Verde , si possa concretizzare un serio approccio alle problematiche ecologiste ritenute invece sempre più urgenti per contrastare i cambiamenti climatici in atto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>