Porcellum? No grazie!

antiporcellum

Firmerò i referendum per abrogare questa assurda legge elettorale, contro cui votai già in Parlamento.

Spero che anche i miei amici facciano altrettanto e anche i Verdi.

Ma non basta tornare al Mattarellum.

Occorre anche eliminare le liste bloccate che già erano state inserite in quella legge per “blindare” i dirigenti .

E, se ci sono solo collegi, vanno imposte primarie per legge per scegliere i candidati, evitando i catapultati nei “collegi blindati” di triste memoria.

Laddove invece si prevedano delle liste occorre la preferenza unica che già si usa in comuni e regioni.

Sono stato eletto molte volte alle comunali sempre con le preferenze, e in Parlamento con ben tre diverse leggi elettorali.

Ebbene la preferenza unica o il collegio non blindato con vera competizione, e quindi con un vero rischio di perdere, sono competizioni impegnative e corrette: obbligano a un confronto vero con gli elettori e questa è la strada.

Qualunque candidato deve sapere di potere essere bocciato e qualunque eletto deve poter sapere che il suo ruolo istituzionale dipende da chi lo vota e non da chi lo inserisce in una lista.

Il Porcellum ha creato un sistema di cortigiani che umilia il senso della democrazia.

Ogni strumento per cancellarlo è giusto.

Tanto i quesiti proposti nel giugno scorso e poi sospesi da Passigli, Sartori, Valentini e altri per introdurre le preferenze, quanto l’attuale raccolta firme, al di là della differenza tra proporzionalisti e maggioritari, hanno il merito di puntare a smantellare il Porcellum.

E questo obiettivo merita un convinto  sostegno.

 

 

 

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>