Boom Grillo. Ora No Tav

Z63

M5S è una forza ecologista.

Nichi Vendola lo capisce bene. E Pierluigi Bersani?

Ieri ha parlato di possibili punti di convergenza col M5S.

Alcuni punti sociali, certo importanti, ma non quelli Green.

Ovvero: energie rinnovabili quindi no al carbone, rifiuti zero quindi no agli inceneritori, opere utili quindi No Tav, auto elettriche spese militari.

Beppe Grillo ha detto giustamente che i parlamentari M5S valuteranno il loro voto legge per legge.

Allora esaminiamo un po’ di svolte Green necessarie.

La prima: opere utili quindi No al Megatunnel Tav.

Da anni chi, come me, insiste per rinunciare all’assurdo megatunnel in Val di Susa chiede un miglioramento della linea storica e un serio impegno per il trasporto merci su ferrovia.

Ora 162 parlamentari M5S e i 44 di Sel riusciranno a convincere il Pd a intraprendere questa svolta?

Noi riuscimmo, nel 2006/2008, solo a sospendere la scelta, obbligando a rivedere i progetti e prendendo tempo per evitare danni irreversibili.

Noi non eravamo abbastanza forti e subivamo l’aggressione dei mass media, tutti pro-Tav.

Oggi i mass media tradizionali sono indeboliti, come dimostra proprio il risultato del voto, e i parlamentari No Tav molto più forti.

Spero davvero che stavolta ci si riesca.

Il “modello siciliano” che ha portato a bloccare il megaradar Muos (Mobile User Objective System) significa proprio questo.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>