11 marzo: non dimenticare Fukushima!

radiazioni_8704

Un anno fa la tragedia nucleare in Giappone ricordava al mondo, nel modo più tragico, come dopo decenni l’energia atomica non aveva mai risolto i suoi rischi drammatici.
Mentre le tecnologie green, dal solare all’efficienza a tutte le altre fonti rinnovabili, hanno fatto passi da giganti, restano gravissimi i rischi d’incidenti nucleari e le scorie radioattive ipotecano i territori per millenni.
La reazione immediata è stata il blocco di tanti programmi nucleari, e in Italia il secondo referendum vinto da una stragrande maggioranza di sì anti-nuke.
Oggi, a un anno di distanza scopriamo che nel mondo sono in costruzione circa sessanta nuove centrali ma alcune, molte vecchie, come quelle spagnole e tedesche, a fine vita non saranno rimpiazzate.
La crescita delle coscienze umane rende sempre più inaccettabile una tecnologia che può provocare la morte per millenni dei territori colpiti, com’è accaduto anche a Chernobyl.
Le lobby economiche non mollano, gli interessi sono ancora tanto forti da contrastare logica e buon senso.
Per questo abbiamo il dovere di non dimenticare e di continuare a sostenere la svolta green nella società e nell’economia.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>