L’acqua è un diritto, non una merce. È un bene comune

17353471_10154128788736184_3504623421504630391_n

L’acqua è un diritto, non una merce. È un bene comune. È importante rilanciare questo tema proprio oggi, in concomitanza della “Giornata Mondiale dell’Acqua”. In questi ultimi dieci anni tante cose sono accadute, come il referendum del 2011 con cui il Paese si è espresso contro la privatizzazione dell’acqua ma quel mandato è stato tradito dalle stesse istituzioni. Il tema dell’acqua pubblica deve trasformarsi in un’attività dal basso, a partire dai sindaci. Gli ostacoli e i tentativi di privatizzare, nonostante il chiaro risultato del referendum, continueranno. La buona notizia però è che diverse città del mondo, tra cui Parigi, Berlino, Atlanta hanno ripubblicizzato le aziende idriche. Anche nel nostro paese le esperienze positive non mancano come quella di Napoli, passata dalla privatizzazione a un’azienda che si chiama “Acqua Bene Comune”, una conquista significativa. È importante che con il convegno “Acqua pubblica e partecipata” il MoVimento 5 Stelle abbia riconfermato l’impegno sul tema affinché anche Roma possa ripubblicizzare la propria acqua.

 

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>