Sempre più caldo. Il pianeta finirà arrosto? La Cop 19 di Varsavia deve reagire

ghiacci_h_partb

Ieri a Ginevra è stato lanciato un nuovo allarme. L’organizzazione meteorologica dell’ONU ha confermato i dati dell’ultimo rapporto dell’IPCC, il panel di scienziati che studiano il cambiamento climatico.

La quantità di gas a effetto serra nell’atmosfera ha raggiunto un livello record nel 2012: “Proseguendo e accelerando una progressione che alimenta i cambiamenti climatici, e che forgerà il futuro del nostro pianeta per migliaia di anni”. L’ha affermato l’OMM, l’Organizzazione meteorologica mondiale (World Meteorological Organization – WMO), agenzia dell’Onu, dichiarando a Ginevra l’ultimo Bollettino sulle emissioni di gas a effetto serra. L’aumento di CO2 tra il 2011 e il 2012 è stato superiore al tasso medio di crescita degli ultimi dieci anni e il forcing radioattivo dovuto all’effetto serra è aumentato del 32% tra il 1990 e il 2012.

Dall’inizio dell’era industriale, nel 1750, la concentrazione media di CO2 nell’atmosfera globale, derivante principalmente alle emissioni legate ai combustibili fossili, è aumentata del 41%, quella del metano del 160% e quella del protossido di azoto del 20%.

”Le osservazioni della vasta rete di Global Atmosphere Watch dell’OMM dimostrano ancora una volta che i gas di origine antropica, che intrappolano il calore, hanno turbato l’equilibrio naturale dell’atmosfera terrestre e contribuiscono notevolmente al cambiamento climatico”, ha commentato il segretario generale dell’OMM, Michel Jarraud.

L’OMM precisa che i processi che si verificano nell’atmosfera sono solo un aspetto del cambiamento in corso. Circa la metà delle emissioni di CO2, rilasciate dalle attività umane, rimane nell’atmosfera, il resto è assorbito dalla biosfera e dagli oceani.

Di fronte a questi dati, la Conferenza sui cambiamenti climatici, la Cop 19, in corso a Varsavia, riuscirà ad avere un qualche moto di reazione o si trasformerà in un’ennesima circo mediatico inconcludente?

La comunità internazionale deve avere il coraggio di agire.

Il superamento del modello energetico basato sui combustibili fossili, della seconda rivoluzione industriale, è urgente e ineludibile.

Occorre fare presto.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>