San Marino diventi Repubblica Plastic Free

IMG-20200729-WA0022

“Turismo sostenibile e #IoViaggioItaliano sono futuro” concordano Ministro Pedini Amato e Sottosegretario Bonaccorsi.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, docente di Turismo sostenibile nelle università di Milano, Roma e Napoli e già Ministro delle Politiche Agricole e dell’Ambiente, è intervenuto oggi, al Palazzo dei Congressi Kursaal della Repubblica di San Marino, al convegno di lancio del “Tavolo Territoriale per il Turismo” organizzato con 106 comuni italiani di Marche e Emilia-Romagna.

L’iniziativa, promossa dal Ministro del Turismo di San Marino Federico Pedini Amati, ha visto la presenza del Sottosegretario al Turismo Lorenza Bonaccorsi e di decine di sindaci.

Alfonso Pecoraro Scanio ha lanciato la sua proposta: “San Marino può diventare la prima Repubblica plastic free e diventare un paradiso del turismo sostenibile coinvolgendo i 9 Castelli di cui è composta la Repubblica e ovviamente cittadini e imprese”.

“Il turismo sostenibile è il futuro come indicano le risoluzioni dell’Onu e le decisioni della Ue ed è sempre più indispensabile dopo l’emergenza Covid. Occorre investire per un vero rilancio del Turismo anche  attraverso la formazione e l’innovazione tecnologica e digitale” ha aggiunto il Presidente della Fondazione UniVerde.

Il Ministro Pedini Amato e la Sottosegretaria Bonaccorsi hanno rilanciato l’importanza della sostenibilità e del coordinamento tra istituzioni.

La sindaca di Coriano, in provincia di Rimini, ha comunicato di aver già reso il suo Comune plastic free invitando tutti ad un impegno in tal senso e Pecoraro Scanio l’ha omaggiata della borraccia della manifestazione Mediterraneo da Remare #PlasticFree.

 

| LASCIA UN COMMENTO | |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>