Ponte sullo stretto: basta trucchi e sprechi

no-al-ponte-sullo-stretto-di-messina_l

Dopo avere annunciato la rinuncia al faraonico, costoso e inutile progetto del Ponte sullo Stretto, il Governo Monti ha solo rinviato di due anni la decisione.

Ancora una volta un trucco e la solita motivazione di voler evitare penali.

Dopo anni é evidente che gruppi di potere, ben introdotti nella politica e nella burocrazia, riescono ad evitare la decisione doverosa di chiudere la società Ponte sullo Stretto perché il progetto non sta in piedi economicamente, ecologicamente e tecnologicamente.

Già é costato fin troppo alle casse della Stato e in piena politica di ‘rigore’ é assurdo non tagliarlo di netto.

Durante l’ultimo Governo Prodi, mi scontrai con la forza delle lobby pro-ponte dentro il Centrosinistra.

Riuscimmo con gran fatica a definanziare il progetto e perfino a destinare una parte di quelle somme alla lotta al dissesto idrogeologico di Sicilia e Calabria (occorre, infatti, ricordare i lutti per le frane in quelle zone).

Quando si trattò di sciogliere la società Ponte sullo Stretto e dare lo stop finale rimanemmo soli, anche dentro il Centrosinistra.

Poi tornò il centrodestra e abbiamo buttato altri soldi a mare.

Spero davvero che il cambio in corso in Sicilia e la presenza di tanti esponenti del Movimento 5 Stelle nel Parlamento siciliano possano aiutarci a mettere la parola fine a questo progetto che ha distratto risorse e intelligenze dai veri problemi della rete ferroviaria e stradale dell’isola.

 

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>