Difendere il mare dal petrolio

nuova zelanda

La tutela dei nostri mari è sempre più urgente. Il grave incidente in Nuova Zelanda ci ricorda i rischi del trasporto di petrolio via mare ma anche quelli connessi alle trivellazioni petrolifere. Si tratta di uno dei peggiori disastri ambientali avvenuti nell’area. Trecento tonnellate di greggio sono state riversate su sei chilometri di costa, in una zona ricca di fauna ittica e di biodiversità, ora gravemente danneggiata.
Dopo il Golfo del Messico un altro disastro ecologico senza precedenti che rende necessario prendere misure adeguate per fermare a livello internazionale questo tipi di incidenti e le industrie che richiedono continuamente autorizzazioni. Avevo già chiesto una moratoria delle trivellazioni petrolifere nel Mediterraneo e proposto una petizione perché il mare è un bene di tutti, devono essere i cittadini a decidere se lasciare che le compagnie petrolifere possano continuare a distruggerlo.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>