Da Great a Small Britain

Brexit Pecoraro Scanio

Ecco il dilemma amletico per il Parlamento del Regno Unito che dovrà decidere cosa fare dopo il referendum sulla Brexit. Nessuno, infatti, spiega che il referendum era consultivo e quindi deve essere il Parlamento a dover decidere come dare esecuzione ad una scelta che ha spaccato l’opinione pubblica tra giovani per il remain e anziani contro che hanno votato per il leave.

 

Il Regno Unito é costituito da 4 Nazioni e ha 4 lingue ufficiali e, come i tifosi ben sanno, 4 nazionali di calcio. Scozia e Irlanda del Nord hanno votato nettamente per il remain (cioè restare nella Ue) mentre le altre due nazioni Galles e Inghilterra (con la rilevante eccezione della capitale, Londra) hanno votato per il Leave (cioè per uscire dalla Ue).

 

Ora Scozia e Irlanda del Nord chiedono di restare nella UE. Come dire di No senza violare il principio di autodeterminazione dei popoli? E se il parlamento non ratifica la decisione del referendum come rispetterà la volontà espressa dalla maggioranza dei votanti?

 

Forse bisognava pensare prima che per decidere di uscire dalla UE, in uno stato con 4 nazioni, occorreva la maggioranza dei voti totali anche nelle singole nazioni!

 

Purtroppo la classe dirigente europea si dimostra sempre più fatta da apprendisti stregoni o burattini in mano a poteri esterni.

| 1 COMMENTO | |

Tags: , , , , , , , ,

Una risposta a Da Great a Small Britain

  1. anna scrive:

    Come si poteva sperare in un altro esito? Ho sentito Scozzesi offendersi se li si chiamava Inglesi, gli irlandesi del nord chiaramente si sentono Irlandesi, i vecchi sono egoisti e i poveri si sono visti solo aumentare di numero, quelli della City hanno interesse a rimanere in Europa per ragioni economiche. Se si sentivano veramente europei avrebbero già cercato di guidare e usare le misure come noi. Spero di sbagliarmi ma l’Europa continua a dividere più che ad unire, e molti non la vogliono unita, infatti il Daesh ha festeggiato e il brutto vizio dei governanti di presentarci i sacrifici con “ce lo chiede l’Europa” non aiuta affatto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>