Pecoraro Scanio: “Oggi ecco la moneta dedicata a Eduardo De Filippo. Omaggio a Napoli e al teatro in un momento difficile”.

IMG-20200511-WA0005

Dopo la moneta che celebra la pizza napoletana e l’Arte del Pizzaiuolo Napoletano, bella dedica all’eccellenza della tradizione artigianale ed enogastronomica partenopea e tricolore, oggi un altro omaggio ad un monumento del teatro napoletano, italiano e mondiale: Eduardo De Filippo.

“Dopo la moneta che raffigura la pizza Margherita insieme a Pulcinella, anche questo fior di conio diventa un incoraggiamento ad un settore in grave crisi, quello del teatro e dello spettacolo, e un omaggio al teatro napoletano, patrimonio dell’arte partenopea e italiana” dichiara il Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio.

Autore di numerose opere teatrali, Eduardo De Filippo è stato uno dei più importanti artisti italiani del Novecento e resta ancora oggi uno degli autori teatrali nostrani più apprezzati e rappresentati all’estero.

“Ho avuto l’onore di assistere alle fasi finali del conio di questa bella moneta e di apprezzare la grande qualità artistica del lavoro della Zecca e del Poligrafico dello Stato, una vera eccellenza del made in Italy” afferma Pecoraro Scanio.

La moneta dedicata a Eduardo De Filippo, disegnata da Maria Carmela Colaneri ed emessa in 7.000 esemplari, è disponibile da oggi (https://www.shop.ipzs.it/). Al dritto vi è il ritratto di Eduardo, delimitato a sinistra da un sipario, il rovescio invece raffigura il palcoscenico di un teatro, sul cui palco spiccano una sedia e un tavolino. Completano la composizione alcuni elementi tipici delle opere di Eduardo (tazzina, caffettiera, corno portafortuna e stella simbolo del presepe) e le scritte “Eduardo De Filippo” e “Il teatro è vita”.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>