La Calabria è risorsa per vero turismo sostenibile tra natura e cultura. Occorre valorizzare il turismo sicuro e slow durante tutto l’anno

Calabria perla turismo sostenibile

#IoViaggioItaliano #IoViaggioAlSud: I Parchi Nazionali di Pollino, Sila e Aspromonte; dal museo di Reggio a quelli delle tradizioni popolari e all’Abbazia Florense, i castelli e le torri, le Terme Luigiane e le coste ioniche e tirreniche.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente, promotore con l’inviato di Striscia la notizia Jimmy Ghione della campagna #IoViaggioItaliano, lancia l’invito a visitare i tre Parchi nazionali e le meraviglie naturali e culturali della Calabria.

“La sfida del turismo sostenibile può fare della Calabria una regione simbolo. La lentezza può essere un valore per uno slow tourism e la scarsa densità di popolazione un vantaggio per il turismo sicuro e sostenibile ” afferma Pecoraro Scanio che per dimostrarlo ha visitato in pochi giorni varie realtà calabresi che hanno aderito alla campagna #IoViaggioItaliano: il parco della lavanda nel Parco nazionale del Pollino, incontrando i giovani agricoltori e il Presidente dell’area protetta Domenico Pappaterra, gli attivisti civici di Castrovillari, il Museo della Magna Grecia a Reggio, con i meravigliosi Bronzi di Riace, incontrando il Presidente neoeletto del Parco dell’Aspromonte Leo Autelitano, l’area di Le Castelle a Isola Capo Rizzuto, incontrando il ventottenne Presidente f.f. della Provincia di Crotone, Simone Saporito, il più giovane d’Italia.

E ancora, hanno aderito alla campagna i vertici del Centro Internazionale di Studi Gioachimiti presso l’Abbazia Florense del XII secolo a San Giovanni in Fiore nel Parco della Sila, di cui Pecoraro Scanio ha sentito e espresso auguri di buon lavoro al Presidente Francesco Curcio, oltre ad aver incontrato i rappresentanti del nucleo Carabinieri forestali del locale reparto a tutela dell’area protetta.

Alla campagna #IoViaggioItaliano hanno aderito anche le Terme Luigiane con la professoressa Sonia Ferrari.

“La Calabria ha diritto a una maggiore attenzione nei progetti di rilancio del turismo dopo l’emergenza Covid-19. Occorre proporla come meta di un turismo naturalistico per la meraviglia della biodiversità e valorizzarla per quel tesoro di cultura della Magna Grecia che insieme a monasteri e castelli di grande bellezza rappresenta un patrimonio culturale ancora non adeguatamente conosciuto” conclude Pecoraro Scanio.

Guarda la galleria di foto su Facebook, clicca: qui.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>