Eolie senza parco rischiano revoca Unesco. Governo intervenga subito

241736105_10157951250856184_8477260403102415124_n

Alfonso Pecoraro Scanio che da ministro dell’Ambiente istituì nel 2007 i 4 parchi nazionali siciliani rilancia da Salina l’allarme Eolie: “Questo arcipelago è meraviglioso e fragile. Nel 2000 diventato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco rischia la revoca del prestigioso riconoscimento per la scarsità delle tutele. Da anni l’attuazione del parco delle Eolie è bloccato da opposizioni miopi e da inerzie burocratiche. Ora basta. Occorre che il ministero imponga l’applicazione della legge e si proceda anche con l’area marina protetta“ afferma il Presidente della Fondazione UniVerde presente al premio Sole, Vento e Mare organizzato da Marevivo a Salina aggiungendo: “Il Parco e l’Amp possono essere attuati subito con il pieno coinvolgimento delle comunità locali e delle vere realtà produttive puntando al rilancio dell’economia locale verso un turismo sostenibile, di qualità e che porti benessere duraturo”.

| LASCIA UN COMMENTO | |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>